venerdì, Settembre 25

I cosmetici alla canapa sono la nuova tendenza beauty

Dalla pianta di cannabis si possono estrarre diversi principi attivi. Il più noto è il THC, ovvero il tetraidrocannabinolo, il principio psicoattivo, ovvero lo stupefacente, ma da essa derivano anche l’estratto di semi di hemp (canapa) e il CBD oil. Nelle preparazioni cosmetiche vengono utilizzati questi due ingredienti.
In particolare, l’olio che si estrae dalla canapa sativa utilizzata per scopi industriali è ricco di acidi grassi omega-3 e omega-6 e acido linoleico, quelle sostanze nutritive essenziali per il corpo che forniscono grassi e proteine, e che integrano la barriera lipidica riparando e stimolando le fibre di elastina. Il risultato? Con la giusta integrazione di questi acidi grassi la pelle è soffice, idratata e dall’effetto plump. In Italia il tabù sui derivati della cannabis in cosmetica è caduto con la commercializzazione della cosiddetta «marijuana light», ovvero quella priva di THC (o con dosi inferiori allo 0,6% come previsto dalla legge), ma ricca di CBD, il cannabidiolo, composto non psicoattivo che si utilizza anche nella marijuana medica con effetti sedativi e rilassanti.

Il secondo estratto della cannabis è il  CBD oil, l’olio di cannabidiolo ottenuto dai fiori delle piante di cannabis oppure da quelli di canapa industriale, che ha efficacia anti-
Perché a Los Angeles il fenomeno del CBD nei cosmetici è così dilagante?
«Devo dire che venendo qui molto spesso ho notato che negli ultimi 6-8 mesi il fenomeno è cresciuto tantissimo, non solo riguardo ai cosmetici ma alla vendita dei prodotti con CBD in generale. In particolare c’è una nuovissima catena di negozi super cool qui a LA che si chiama MEDMEN. Per entrare devi presentare carta d’ identità, avere più di 21 anni, qui trovi i prodotti più inaspettati, tra questi i cosmetici e soprattutto il famoso olio CBD che sembra avere tantissime proprietà tra cui: allevia dolori, riduce ansia e depressione, aiuta il sonno. Quindi perché non farne uso? La notizia negli ultimi giorni è che olii, cosmetici e tutti i prodotti contenenti CBD saranno venduti nei CVS (farmacie locali) di tutta la California senza necessità di alcuna prescrizione medica, posizionati negli scaffali come ogni altro prodotto “da banco”.  In tutto questo business che ruota intorno al CBD gli ultimi nati sono i succhi, la CBD water e naturalmente i cosmetici. Risulta infatti che il CBD abbia proprietà estremamente efficaci per la cura della pelle, in particolare, è un potente antinfiammatorio, normalizza la secrezione sebacea quindi può essere usato per curate pelli tendenzialmente acneiche, rinforza le difese naturali della pelle, stimola la ricrescita cellulare rallentando l’invecchiamento cutaneo.  Il CBD Oil è stato dichiarato l’ingrediente cosmetico più popolare e acquistato (in California in tutto il 2018)».

Credits Immagini: Cliomakeupcom

Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: