[ngg_images source=”galleries” container_ids=”114″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_slideshow” gallery_width=”600″ gallery_height=”400″ cycle_effect=”fade” cycle_interval=”10″ show_thumbnail_link=”1″ thumbnail_link_text=”[Mostra miniature]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

 

Il Design Museum di Londra, ospita dallo scorso 10 maggio un’affascinante mostra dedicata ad Azzedine Alaia dal titolo  The Couturier.

L’amato stilista franco-tunisino, morto lo scorso novembre, sarà celebrato fino al 7 ottobre, tra abiti mai visti prima e sculture.

La retrospettiva, che è già passata per Parigi, era nata da un progetto dello stesso Alaia e ripercorre oltre trentacinque anni di carriera, con una collezione di sessanta abiti.

Il curatore Mark Wilson, ha posto l’attenzione anche su lato artistico, meno conosciuto, di Alaia: quello di scultore.

Il Museo del Design ospiterà, infatti, sia, alcune sculture realizzate dal couturier, sia  da  altri designer come Marc Newson, Kris Rush e Konstantin Grcic, Ronan&Erwan Bouroullec e Tatiana Trouvé.

Il percorso si articola in tre parti: una sezione intitolata Wrapped Forms, (Forme Avvolgenti), un’altra dal nome Exploring Volume (Esplorando il volume), e l’esposizione di sessanta creazioni.

Molte sono le donne di spettacolo, e del mondo della moda, che ricordano, con affetto e ammirazione, quello che fu un artista del fashion, con una grande vocazione: esaltare il corpo femminile come fosse una vera e propria opera d’arte da mettere in mostra.

Il suo motto, ogni volta in cui faceva indossare i propri abiti scultura, era “The hold you tight and show you off” (Ti stringo bene e ti metto in vista).

Credits Immagini:GQItaliait