Albini Group svela i tessuti ViroFormula

Mentre si cerca di capire come convivere col COVID19, la ricerca continua, non solo per un vaccino. Albini, storico brand italiano, ha messo in campo tutta la sua esperienza nella conoscenza dei tessuti per creare un tesssuto particolare e ha dato vita alla ViroFormula.

I tessuti ViroFormula sono i primi con tecnologia HeiQ Viroblock, e garantiscono una performance all’avanguardia che impedisce ai tessuti di diventare una superficie ospite per la diffusione di virus e batteri nocivi e che contribuisce quindi a ridurre il rischio e la velocità di contaminazione e trasmissione. Gli elementi chimico-tessili sono utilizzati per distruggere il virus in pochi minuti attraverso la combinazione in attesa di brevetto di una tecnologia della vescicola grassa (liposomi), che distrugge i virus esaurendo la membrana virale nel suo contenuto di colesterolo, dopo che gli stessi sono stati bloccati da ulteriori tecnologie a base d’argento che attivano reazioni antivirali ad alto spettro attraendo i virus e legandosi permanentemente ai loro gruppi zolfo

Stefano Albini, Presidente di Albini, racconta entusiasta questo enorme risulato: “Nel periodo critico e incerto in cui ci troviamo oggi abbiamo deciso di non fermarci: al contrario abbiamo continuato a lavorare su nuove soluzioni e prodotti, sempre pronti ad affrontare nuove sfide. In questo contesto abbiamo sviluppato i tessuti ViroFormula, che assicurano protezione attiva da virus e batteri“.

Entusiasta e con un occhio ai possibili risvolti sull’uso di questo particolare tessuto è anche Fabio Albini, Direttore Creativo del brand: “In aggiunta alla nostra ampia proposta di tessuti performanti, abbiamo voluto creare una nuova categoria di prodotti, unica nel suo genere: i più bei tessuti al mondo con la capacità di proteggerci dai virus. Anche se in un momento difficile, ci siamo lasciati ispirare dal mondo intorno a noi per studiare una soluzione creativa e innovativa, che risponde ai bisogni dei nostri clienti. Per indossare un futuro migliore adesso“.

Credits Immagini: Courtesy Of Press Office