Maria Grazia Chiuri reinventa la Saddle Bag

 

Grande ritorno in casa Dior! La maison francese ha da poco presentato la nuova versione della Saddle Bag. Per le fashion addicted il nome suscita entusiasmo, per le novizie un breve recap: la Saddle Bag è stata creata nel 2000 da John Galliano quando era direttore creativo della maison, ma la Saddle è stata consacrata borsa must grazie a Carrie Bradshaw e Sex & The City. Il resto è la storia di un successo.

Ma come tutte le storie, anche la Saddle ha conosciuto momenti lontani dai riflettori. A farla tornare alla ribalta ci ha pensato Maria Grazia Chiuri, che l’ha reinterpretata lasciando intatto il suo design, che ricorda la sella di un cavallo. La Saddle Bag è proposta in due versioni, in pelle a tinta unita oppure in varianti patchwork con ricami, perline e frange. Un ritorno allo spirito degli anni ’70, in versione più grande e più robusta, per affrontare la vita di tutti i giorni. Almeno secondo la Chiuri: “La Saddle Bag è una borsa che si indossa nello stesso modo in cui si indossa una camicia o una giacca, ed è confortevole da indossare con la sua cinghia lunga, che quasi ti dimentichi di averla. La Saddle è pratica anche perchè ti permette di portare con te tutto quello di cui hai bisogno. Ed è per questa ragione che l’ho voluta più grande e robusta, ma anche molto colorata… si adatta ad ogni situazione“.

Una borsa per tutti i giorni, versatile, pratica, e che non rinuncia alla sua bellezza. “Io penso che questa collezione ( AI 2018/2019) possa essere un’opportunità per rivivere la sua bellezza senza tempo. Considero quest’icona della storia recente della maison il perfetto accessorio per questa battaglia che è la vita quotidiana“.

 

Credits Immagini: Courtesy of Press Office

Share
Facebook
Facebook
Instagram
Twitter
Visit Us
Pinterest
Pinterest
Google+
Google+
http://www.theauburngirl.com/dior-saddle-bag/

Autore dell'articolo: Cristina Izzo

Editor in Chief of TheAuburnGirl. Former Fashion Editor of Quotidianomime.com