LIMYÈ, il brand di Lucia Tittarelli

Limyè, brand italiano d’abbigliamento sostenibile nato nel 2017 per volontà della designer Lucia Tittarelli, vuole celebrare la bellezza delle donne sottolineandone le diverse personalità che si esprimono attraverso i capi che indossano.

Limyè significa “luce” nella lingua haitiana e rappresenta il desiderio di riconoscere e celebrare la luce che brilla in ogni donna. Per Limyè la moda è un ponte per collegare culture diverse, superando muri sociali ed etnografici. Lucia Tittarelli, designer e creatrice del brand, è una giovane donna nata in Romania e in seguito adottata da una famiglia italiana.

All’età di 25 anni, spinta dal desiderio di conoscere le proprie origini, si è messa alla ricerca della sua famiglia biologica. Non è stato facile ma alla fine ci è riuscita e ha intrapreso un viaggio attraverso vari Paesi europei per conoscerne i membri. Parlando con loro ha scoperto di provenire da una stirpe di donne indomite e coraggiose. Nelle sue vene scorre sangue rumeno, russo, ungherese, montenegrino e italiano e questa miscela d’ispirazione italiana e dell’Europa orientale, unite alla qualità unica e ricercata dei tessuti e alla cultura tradizionale del Made in Italy, rendono le collezioni perfette per le donne che non vogliono uniformarsi.

Fedele al sentiment del brand Lucia Tittarelli ha scelto di chiamare “Aurora” la sua collezione di debutto in quanto l’aurora è il momento in cui nasce la prima luce. La palette di colori a cui fa riferimento la collezione comprende l’arancio, il giallo, il rosso e il verde che rappresentano il cielo e la terra in quel breve momento in cui l’atmosfera è riscaldata da una luce magica, mentre il bianco, l’oro, il bronzo e il nero, irrinunciabili e sempre luminosissimi, rappresentano la sigla stilistica del brand. Limyè utilizza solo tessuti italiani di prima qualità, selezionati personalmente da Lucia Tittarelli. Tutti i capi sono realizzati a mano nelle Marche per mantenere viva la tradizione della moda italiana artigianale.

Credits Immagini: Courtesy of Press Office

Autore dell'articolo: Rossella Alfani

Vice Editor TheAuburnGirl. Correspondent from Milan