martedì, Ottobre 20

Hubert de Givenchy: la scomparsa di un mito

 

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”12″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_slideshow” gallery_width=”600″ gallery_height=”400″ cycle_effect=”shuffle” cycle_interval=”10″ show_thumbnail_link=”0″ thumbnail_link_text=”[Mostra miniature]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

Si è spento, all’età di 91 anni, Hubert de Givenchy, il fondatore della più aristocratica maison di moda francese. Il triste annuncio è stato dato dal compagno, Philippe Venet, che in una nota, subito diffusa a Parigi ha scritto

«Monsieur Givenchy si è spento nel sonno sabato 10 marzo 2018. I nipoti e le nipoti, i figli, condividono il dolore». Chiunque, conosce almeno una delle sue creazioni: il celeberrimo tubino nero indossato da Audrey Hepburn nel film Colazione da Tiffany.

Ideatore del little black dress, un amatissimo capo senza tempo, Givenchy è diventato, grazie alle proprie creazioni, sinonimo di eleganza e charme, nel panorama mondiale della moda.La sua prima collezione sfilò nel 1952 e fu subito un grande successo.

Del resto, non poteva essere diversamente, considerando che dopo gli studi presso École Nationale Superieure des Art di Parigi, aveva fatto un apprendistato  da Jacques Fath a Piguet, Luciene Lelong e Elsa Schiaparelli. A lui si affidarono molte donne celebri, da Jackie Kennedy alla stessa Hepburn, perla quale curò quasi tutti i costumi di scena.

Alla direzione creativa del marchio da lui fondato lo hanno succeduto grandi nomi, tra cui  John Galliano, Alexander McQueen, Julian McDonald, Ozwald Boateng, Riccardo Tisci, e, nelle ultime due stagioni, Claire Waight Keller.

 

 Credits Immagini: ThePost

Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: