MONTENAPOLEONE CHINESE NEW YEAR da un’idea di MonteNapoleone District

Grazie all’evento “MONTENAPOLEONE CHINES NEW YEAR” ideato da MonteNapoleone District con due mostre diffuse e due performance live Liu Bolin, The Invisible Man, festeggia il suo Capodanno cinese “scomparendo” in Italia. Legato da anni alla galleria veronese Boxart, l’artista cinese si mimetizza questa volta tra i Caravaggio della Galleria Borghese e i tesori del Castello Sforzesco, mentre cinquanta delle sue famose opere saranno in mostra tra Roma e Milano nelle vie della moda.

Con il Patrocinio dell’Ambasciata Cinese e del Comune di Milano, MonteNapoleone District – che rappresenta i più prestigiosi Global Luxury Brand al mondo collocati nelle vie Montenapoleone, Verri, Sant’Andrea, Santo Spirito, Gesù, Borgospesso e Bagutta – organizza per la prima volta il “MonteNapoleone Chinese New Year”, appuntamento dedicato al Capodanno cinese che si svolgerà contemporaneamente a Milano e a Roma. Dal 3 al 10 febbraio lungo via Montenapoleone sarà allestita la mostra fotografica dell’artista cinese di fama internazionale Liu Bolin, conosciuto anche come The Invisible Man. Combinando performance e fotografia, nelle sue installazioni si mimetizza con l’ambiente per analizzare la tensione che esiste tra l’individuo e la società. La mostra è realizzata grazie al supporto di Boxart, la galleria di Verona che rappresenta Bolin in Italia, e a Roma avrà una declinazione all’interno delle boutique coinvolte nell’evento.

ph_Liu Bolin_Teatro alla Scala No.2 low

È il 2005 quando l’amministrazione di Pechino ordina di abbattere il quartiere dove Liu Bolin (classe 1973), artista emergente risiede. Liu decide di mimetizzarsi con le macerie del suo studio, si fa fotografare e dà il via a una testimonianza silenziosa del momento storico alle sue spalle, riscuotendo allo stesso tempo un inaspettato successo. Inizia così la straordinaria carriera di uno degli artisti contemporanei più talentuosi e interessanti, capace di nascondere forti messaggi sociali attraverso immagini apparentemente semplici e anche divertenti. Nel tempo Liu Bolin si fa fotografare davanti ai più importanti monumenti del mondo, a librerie, a scaffali dei supermercati, a opere d’arte, a montagne di rifiuti e in mezzo a masse di immigrati; la sua fama cresce fino a quando le sue immagini diventano un’icona per i grandi brand della moda da Lanvin a Jean Paul Gaultier o delle auto come Ferrari. Ad esempio, Moncler utilizza per un camouflage di Liu Bolin in Islanda per pubblicizzare il proprio marchio, mentre Tod’s fa scomparire l’artista tra i suoi celebri “gommini”; Missoni si focalizza sul classico tessuto di maglia, Valentino lo invita a scomparire nella sua collezione “camouflage”.

ph_Mose_San Pietro in Vincoli_2018

Il legame con il mondo della moda si riannoda ora in occasione del Capodanno Cinese, grazie all’evento ideato da MonteNapoleone District. In occasione del “MonteNapoleone Chinese New Year” nella celebre via dello shopping milanese, i passanti potranno contemplare venti opere esposte a cielo aperto, grazie a pannelli autoportanti che ripercorrono la poetica dell’artista. A Roma saranno invece ventisei boutique tra i luxury brand più prestigiosi ad ospitare ciascuna, dal 2 al 10 febbraio, un’opera dell’artista cinese. Dalle prime opere della serie Hiding in the City del 2005 fino ai giorni nostri, si potrà dunque percorrere un viaggio ideale tra la Cina – con i suoi celebri edifici, i suoi miti – e l’Italia. La mostra si snoda infatti in un “Grand Tour” degli ultimi sette anni dell’opera di Liu Bolin nel nostro Paese (dal 2012 ad oggi), durante i quali l’artista si immerge nei luoghi simbolo dell’Italia, da Milano a Verona, passando per Venezia fino a Roma e alla Reggia di Caserta.

Saranno due musei, uno a Milano e uno a Roma, gli sfondi privilegiati di altrettante performance live a cui sarà possibile assistere su invito. Attraverso un accurato processo di body painting, effettuato da due assistenti, l’artista mimetizzerà il suo corpo fino a dar luogo ai due scatti finali che divengono così opera d’arte.

foto Liu Bolin_Colosseo n2_2017_LR

Negli stessi giorni, le boutique aderenti all’iniziativa, oltre ad attivare una serie di servizi espressamente dedicati alla clientela cinese, allestiranno vetrine a tema dove faranno bella mostra di sè capi di abbigliamento, gioielli e accessori che saranno apprezzati dai cinesi impegnati nello shopping più ricercato. Banditi il bianco e il nero, colori indossati in occasione dei funerali, e largo al rosso, che secondo la tradizione cinese invece è un colore di buon auspicio. Tra gli acquisti prediletti, collane, cravatte e cinture sono perfette per le coppie ma altamente sconsigliate per gli amici. E niente cappelli di color verde, perché in cinese “indossare un cappello verde” significa infedeltà coniugale.

MonteNapoleone District – ad oggi l’unico distretto del lusso in Europa ad avere un account ufficiale WeChat per lo sviluppo del turismo cinese on target – attraverso Shopping Tag e QRcode promuoverà il “MonteNapoleone Chinese New Year”, valorizzando le attività organizzate a livello associativo. In occasione del Capodanno Cinese scambiarsi gli auguri con amici e parenti inviando cartoline e biglietti oppure telefonandosi è sempre stata una irrinunciabile abitudine per i cinesi, che oggi optano per videochiamate con WeChat, la piattaforma di servizi più diffusa in Cina con 1 miliardo di utenti attivi al mese. Grazie all’accordo con Retex, WeChat rappresenta oggi un canale strategico per dialogare con i consumatori cinesi, sempre più amanti dello shopping italiano. In proposito, Guglielmo Miani, presidente di MonteNapoleone District, spiega: “Uno degli impegni di MonteNapoleone District è quello di sviluppare iniziative volte a migliorare il sistema ricettivo del distretto nei confronti dei clienti extra europei e non solo. Oltre all’essere pionieri con WeChat, l’organizzazione di un evento per la clientela cinese, che rappresenta la nazionalità preminente tra gli acquirenti del distretto, ci consente di avvicinare le due culture guardando ad un target di alto profilo che apprezza le eccellenze del nostro paese”.

Con la collaborazione della Fondazione Italia Cina e con la partecipazione di Class Editori, Global Blue e Tencent IBG/Digital Retex, mercoledì 6 febbraio, dalle 15 alle 17, presso la Sala Orlando dell’Unione Confcommercio, si terrà il forum dal titolo: “Consumi, turismo, lusso: i driver dell’economia cinese all’epoca di Xi Jinping”. L’appuntamento avrà come focus il mercato cinese nel settore retail.

foto Liu Bolin LR_Duomo_di_Milano_Milano_2010

Anche nel 2018 i cinesi si sono riconfermati tra i clienti più importanti del Quadrilatero e la MonteNapoleone VIP Lounge, nata da un progetto di MonteNapoleone District con la partecipazione di Global Blue, Planet, Tax Refund e Ferrari Tax Free For You, è pronta ad accoglierli offrendo un ventaglio di benefit ed esperienze uniche e personalizzate. Inclusi nel voucher di accesso, un servizio di concierge esclusivo e la possibilità di spedire il bagaglio e i propri acquisti verso l’aeroporto di partenza ricevendo assistenza VIP per espletare tutte le formalità di tax refund senza stress e code.

 

Credits Immagini: Courtesy of Press Office

Share
Facebook
Facebook
Instagram
Twitter
Visit Us
Pinterest
Pinterest
Google+
Google+
http://www.theauburngirl.com/montenapoleone-chines-new-year/

Immagini collegate:

Autore dell'articolo: Rossella Alfani

Vice Editor TheAuburnGirl. Correspondent from Milan