La Revêche, il sogno di Sara Melis diventato realtà

Femminilità. Questa è la qualità che La Revêche vuole esaltare nelle donne con la sua collezione di beachwear.

Il brand nasce nel 2016 da una intuizione della designer Sara Melis, coinvolta da tempo nello studio e nello sviluppo del settore beachwear, e ha fatto velocemente breccia nel cuore delle donne, perchè studiata appositamente per loro; grazie ad una campagna social e all’apprezzamento di alcune delle più influenti celebrità, La Revêche ha subito avuto diffusione a livello globale.

Per la realizzazione dei suoi costumi e dei dettagli, Sara Melis si avvale di tessuti in lycra e microfibra di altissima qualità, prodotti e lavorati interamente dalle sapienti mani di artigiani sardi che incarnano gli stessi valori di un tempo e che hanno reso l’artigianato sardo rinomato in tutto il mondo.

Oltre ai prestigiosi materiali, quello che rende iconici e riconoscibili i costumi La Revêche sono i distintivi fiori e le ruches che impreziosiscono ogni pezzo. Grazie ad essi, la collezione appare romantica ed irresistibile. Composta di costumi interi e a due pezzi, la linea è ideale sia per una giornata di mare sia per completare l’outfit per una serata al chiaro di luna, abbinandoli magari a una gonna o ad un jeans.

L’idea di questa collezione nasce dai ricordi d’infanzia di Sara Melis, di quando da bambina la madre – che ha prestato il nome al primo iconico costume intero – le faceva indossare delle fasce per i capelli con delle applicazioni floreali, e dal desiderio di indossare un costume intero che ai tempi sul mercato non era presente. La Revêche è per la Melis un sogno diventato realtà, una ragazza che aveva la necessità di comunicare qualcosa e che è riuscita a trasmettere grazie alla magia e alla tradizione tessile artigianale sarda.

Credits Immagini: Courtesy of Press Office

Share
Facebook
Facebook
Instagram
Twitter
Visit Us
Pinterest
Pinterest
Google+
Google+
http://www.theauburngirl.com/la-reveche-il-sogno-di-sara-melis-diventato-realta/

Autore dell'articolo: Rossella Alfani

Vice Editor TheAuburnGirl. Correspondent from Milan