Ichendorf Glassworks a Palazzo Litta – Milano Design Week #04

Ogni hanno il Fuorisalone diventa sempre più internazionale e vede crescere la presenza di brand che scelgono location d’eccezione per presentare le loro collezioni. Tra queste emerge Palazzo Litta, edificio storico di Milano, che ospiterà la 4a edizione di “A Matter of Perception” esplorando il tema “Linking Minds”.

Farà parte di questa raffinata selezione l’installazione Ichendorf Glassworks curata dal duo italo-giapponese Mist-o, formato da Tommaso Nani e Noa Ikeuchi. L’azienda Ichendorf si presenta così per la prima volta alla Design Week con una collezione firmata da Federico Angi, Cristina Celestino, Denis Guidone, Jenkins & Uhnger e Mist-o. Bicchieri in vetro borosilicato, porta essenze, vasi, set per il rito del tè, decanter e altri oggetti che entrano nelle case con delicatezza, eleganza e lucentezza, trovando una giusta e umana collocazione. L’azienda lavora da sempre vetro, cristallo e borosilicato, fino a ciò che di volta in volta i designer richiedono per la loro idea che diventa tangibile grazie al lavoro dei maestri vetrai.

L’allestimento che vedremo a Palazzo Litta propone una visione dal carattere museale: i prodotti Ichendorf saranno esposti su basamenti bianchi irregolari e con forme diverse tra loro per presentare ogni collezione in maniera unica e sartoriale.

…Buona visita!

Design in pillole

Ichendorf è nata nei primi anni del Novecento in Germania e nel 1990 il cuore creativo dell’azienda si è spostato a Milano.
L’installazione Ichendor Glassworks sarà uno dei numerosi eventi all’interno di Palazzo Litta, aperto in occasione della Design Week dal 4 al 9 aprile in corso Magenta 24.
La mostra collettiva “A Matter of Perception” di Palazzo Litta è prodotta da Mosca Partners e DAMN° magazine.

 

Fiammetta Gamboni

Credits Immagini: Alberto Strada

Share
Facebook
Facebook
Instagram
Twitter
Visit Us
Pinterest
Pinterest
Google+
Google+
http://www.theauburngirl.com/ichendorf-glassworks-a-palazzo-litta-milano-design-week-04/

Autore dell'articolo: Fiammetta Gamboni

Design Editor, Lifestyle Contributor