Flower Power: il trend delle scarpe 2018

La primavera sembra essere arrivata, nonostante sia partita un po’ in sordina. E sebbene ancora ci siano dei tentennamenti climatici, i primi fiori stanno già sbocciando. Ma non sono solo le aiuole o i verdeggianti prati a fiorire, anche le scarpe quest’anno sono ricoperte da lussureggianti boccioli.

Tanti i modelli e gli stili, la scelta è ampia e variegata che coinvolge praticamente tutte le categorie di calzature più cool di quest’anno. Dalle scarpe con tacco, come le classiche Mary Jane di Bottega Veneta o Dolce&Gabbana, alle décolletés in tessuto drappeggiato di Balenciaga; fino ad arrivare ai sandali con preziosi inserti floreali di Dries Van Noten, o con tacco in plexi con fiori all’interno di Mango; oppure ai tronchetti dal tessuto ricamato di GianVito Rossi o in velluto di Christian Louboutin.

Ma le grandi maison hanno anche pensato a delle proposte “flat” da indossare tuti i giorni. Non mancano naturalmente i modelli bassi come i sabot, ballerine in tessuto jacquard di Tory Burch, o le sneakers in pelle di Marc Jacobs o in tessuto tecnico di Dior, tutte arricchite da margherite, roselline e decori preziosi. Fanno capolino perfino i biker boots con delle applicazioni floreali come quelli di Jimmy Choo o Steven Madden.

L’accessorio must-have della stagione è sicuramente lo Slingback kitten heel. Elegante, raffinata e dal sapore retrò, la scarpa ha un tacchetto basso e un cinturino che avvolge il tallone riuscendo a slanciare anche le gambe meno affusolate. Diventato quasi un cult, e raggiungendo un successo planetario, adesso viene reso creativo dai fiori.

Qualunque sia il modello che scegliate ricordate di acquistarne uno con delle applicazioni floreali, adatto ad ogni occasione e soprattutto estremamente primaverile. Per la bella stagione nulla osta ai fiori!

 

Credits Immagini: 

Share
Facebook
Facebook
Instagram
Twitter
Visit Us
Pinterest
Pinterest
Google+
Google+
http://www.theauburngirl.com/flower-power-il-trend-delle-scarpe-2018/

Immagini collegate:

Autore dell'articolo: Federica Bonetti

Fashion Collaborator, Rome Correspondent