BURBERRY FW17 – un omaggio all’artista HENRY MOORE

Burberry chiude col botto la settimana della moda londinese.

Nella scenografica cornice della Maker House, sulle note della voce vibrante di Anna Calvi,il brand britannico celebra la sua partnership con la fondazione Henry Moore, noto artista britannico che ha influenzato il lavoro del Direttore Creativo e CEO Christopher Bailey. La collezione, la seconda  “straight-to-consumer” del brand, si compone di look per lei e per lui, con 78 cappe d’alta moda in edizione limitata. Tutta la collezione presenta un mood unisex costruito e realizzato intorno alle dimensioni e alla forma delle sculture elementari di Moore, attraverso texture e dettagli realizzati a mano. Trench, giacche, camice vengono costruite e decostruite per avere nuova vita e forma. Non mancano vivaci stampe che rimandano ai disegni tratti dall’archivio della Henry Moore Foundation.

Ogni cappa presentata ha un un suo nome specifico ed è disponibile per ordini speciali; saranno inoltre parte di una mostra itinerante che viaggerà per tutto il mondo, toccando città come Parigi, Tokio e Los Angeles. Per tale speciale collezione, Burberry ha chiamato in passerella i “suoi” modelli, fra cui gli interpreti dell’ultima campagna Amber Witcomb, Elfie Reigate, Ella King, Myles Dominique, Nora Attal e Tom Fool.

A fine sfilata, Bailey ha dichiarato:” E’ un momento importante avere felicità nel proprio lavoro, credere in qualcosa. Io credo in questo, ho creato questo con assoluta passione e integrità per qualcuno che ho amato e ammirato per tutte a la mia vita“.

Passione, arte e moda racchiusi in 78 look che hanno segnato un altro indimenticabile capitolo nella lunga storia di Burberry e della moda.

Cristina Izzo

Credits Immagini&Video: Courtesy of Press Office

Autore dell'articolo: Cristina Izzo

Editor in Chief of TheAuburnGirl. Former Fashion Editor of Quotidianomime.com